Respirazione e digestione

La respirazione è un processo che permette di procurare ossigeno e, allo stesso tempo, eliminare anidride carbonica.

La respirazione può essere suddivisa in:

– Respirazione alta: avviene mediante l’innalzamento di coste, clavicole e spalle e la contrazione dell’addome cui consegue l’abbassamento del diaframma.

– Respirazione media: avviene mediante la parziale espansione toracica; si verifica un lieve innalzamento delle coste. La contrazione addominale abbassa il diaframma.

– Respirazione bassa: anche conosciuta come respirazione addominale, profonda, diaframmatica o di pancia. Si ha una leggera sporgenza della parete addominale conseguente all’effettiva entrata in funzione del diaframma che, abbassandosi, dà maggiore spazio ai polmoni, consentendone una migliore ossigenazione.

Le fasi della respirazione sono:

– Inspirazione: quando l’aria viene introdotta nei polmoni

– Espirazione: quando l’aria viene espulsa dai polmoni

Queste fasi avvengono automaticamente e non hanno bisogno di controllo o sforzo cosciente. Tuttavia, la respirazione può essere controllata o interrotta consapevolmente entro certi limiti.
Sebbene sia evidentemente impossibile regolare volontariamente ad esempio i ritmi digestivi dello stomaco o la peristalsi del nostro intestino, è altrettanto vero che determinati esercizi di respirazione possono contribuire a ripristinare un buon equilibrio fisiologico al nostro sistema digestivo.

Detto ciò come può la sola respirazione influenzare il benessere del nostro stomaco? Questo avviene perché il diaframma (il principale muscolo della respirazione) attraverso il suo ritmico lavoro di “salita e di discesa” determina un costante massaggio allo stomaco. Infatti durante l’inspirazione il diaframma scende e lo stomaco subisce pressioni e, dalla sua posizione verticale, si “orizzontalizza”. In questa fase di contrazione del diaframma, l’orifizio attraverso cui passa l’esofago si contrae impedendone il rigurgito. La natura di quest’orifizio è muscolare, il massimo del beneficio si ottiene solo attraverso la respirazione profonda o diaframmatica.

Nell’espirazione il diaframma risale e lo stomaco torna di nuovo in posizione verticale.

Quindi riuscire ad imparare a respirare basso o di pancia puo’ aiutare i ritmi digestivi. Essendo poi una respirazione profonda aiuta anche l’ossigenazione.

Nel mio video spiego come riuscire a respirare di pancia. La tecnica proposta associa contrazioni muscolari volontarie unendo il senso del tatto delle mani. Riuscire a raggiungere consapevolezza del movimento che sta facendo il diaframma e’ molto importante per aver ancor piu’ beneficio da questo tipo di respirazione.

Un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On YoutubeVisit Us On Instagram